fbpx

Un (buono) motivo per iniziare a leggere

Pubblicità

A settembre mia figlia ha compiuto sei anni, un’età importante, perché iniziano tante nuove attività, tra le quali la lettura. La Generalitat de Catalunya, l’organo che amministra la Comunità Autonoma della Catalogna ha inviato a mia figlia un buono per andare in una libreria a scegliere un libro da leggere. L’iniziativa “Tria un llibre“, in catalano “scegli un libro”, si rivolge a tutti i bambini che abbiano compiuto sei anni. Il buono è di 13 euro e arriva a casa. A Barcellona sono tante le librerie che aderiscono all’iniziativa e noi ne abbiamo scelta una che ci piace, si chiama Luz de Lula e sta in Carrer Ramón y Cajan, 158 a Barcellona. Mia figlia, dopo aver sfogliato vari libri ne ha preso uno. Fin dall’inizio avevamo deciso che sarebbe stato in lingua catalana, escludendo per ora il castigliano.

La lettera arrivata con dentro il buono della Generalitat

La scuola è iniziata da quasi due mesi e sono tanti gli stimoli che arrivano. Imparare a leggere e a scrivere è una grande emozione in famiglia, soprattutto per l’interessata. Certo in generale dipende dal bimbino, ma penso che il coinvolgimento debba partire prima di tutto dalla famiglia oltre che dalla scuola. In questo caso è arrivato anche dalla Generalitat, con il dono di questo buono per creare curiosità. È stato emozionante vedere mia figlia di sei anni per la prima volta sdraiata sul letto in camera sua concentrata nella lettura ad alta voce. Ha detto che ha scelto quel libro perché è in stampatello e perché parla di un unicorno marino, il narvalo. Un cetaceo un po’ insolito, ma che esiste davvero, infatti abbiamo poi avuto modo di effettuare una ricerca e di vederne le foto e i video, insomma di fatto abbiamo conosciuto così un nuovo animale marino.

Il libro in catalano scelto da mia figlia sull’unicorno marino, il narvalo

A volte gli esempi che noi doniamo ai nostri figli sono più loquaci delle parole. I libri sono i nostri migliori amici, è questo che spiego ai miei figli. Sono appassionata di libri e vorrei che lo fossero che loro. Piano piano, andiamo per ordine, intanto iniziamo con un libro in stampatello in catalano e poi si vedrà. Evviva i libri! Buona lettura a tutti.

Pubblicità

Chiara Elia

Nasco a Roma il 18 gennaio 1980. Ho due bambini piccoli, una femmina e un maschio. Sono laureata in Sociologia indirizzo di Comunicazione e Mass Media (tesi di laurea in Sociologia della Famiglia). Ho pubblicato tre libri di poesie, due di favole e un romanzo. Vivo a Barcellona dal 2013. Parlo italiano, inglese, spagnolo e catalano. Ho studiato danza flamenca per più di dieci anni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!