fbpx

L’importanza della musica in famiglia

Pubblicità

La musica mitiga gli umori, apre la mente e il cuore. Sono una grande ascoltatrice di musica e penso lo debbano essere anche i miei figli, con libertà, se lo voranno. Credo sarà difficile che non gli piaccia visto che mio marito che io siamo grandi fruitori di musica. A casa ne sentiamo molta e varia, dal flamenco all’elettronica, dal reggae al jazz, dal rock alla classica. Ci piace iniziare la giornata con una canzone; ho la sensazione che le emozioni si allineino in modo positivo, il cervello si rilassa e si accettano meglio i doveri quotidiani, come per esempio andare a scuola. Insomma ai miei figli propongo canzoni dalla mattina alla sera, arrivando fino al rito della buona notte. Per andare a dormire a volte cambio melodia di accompagnamento. Per esempio in questo periodo sto usando un mantra yogico per Shiva, che rilassa un po’ tutti a casa, ma prima usavo la ninna nanna di Brahms, e ancora prima la canzone stella stella mia stellina.

L’importanza dell’ascolto della musica è raccomandata già dai primi mesi di vita. Negli ultimi anni si è consolidata l’abitudine tra le donne incinte di sentire musica, Mozart, per esempio, per accompagnare il naturale fluire della crescita e rilassare i loro figli nel grembo materno. I progressi della ricerca scientifica in merito ci spiegano come nei bambini la musica stimoli la coordinazione sensori-motoria, sviluppi l’immaginazione visiva, essendo questa per il cervello una vera e propria narrativa. Tra l’altro la musica invita al ballo, al divertimento, alla creatività. Mi ricordo di tanti pomeriggi passati a casa, soprattutto quando i miei bimbi erano piccoli, durante i quali mettevo varie canzoni per cantare e ballare insieme. In questo modo il tempo ci passava allegro e gioviale. La lista che usavamo era lunga: dalle canzoni dello Zecchino d’oro, a quelle di Elsa di Frozen, diventate ormai cult per molte famiglie. Poi ci sono le canzoni popolari catalane, che i miei figli imparano a scuola, e che risentiamo a casa, per apprenderle meglio, per capire ed allenare la lingua. Poi vengono le filastrocche che sentivo da bambina, e che ora vorrei tramandare ai miei bimbi, come la bella lavanderina, la macchina del capo, ci sono due coccodrilli etc etc. Il repertorio è vasto, se poi ci uniamo anche quelle che gli cantavano le nonne e il nonno si allunga: Eulalia Torricelli, papaveri e paperi, la tartaruga, ciao ciao bambina etc etc…

Vivendo all’estero ci tengo ancora di più a tramandare il patrimonio musicale italiano ai miei figli, perciò a volte metto loro canzoni d’autore, alcune tra le tante sono cuore matto, una zebra a pois, alla fiera dell’est. Non posso dimenticare di citare le canzoni dei cartoni animati giapponesi che vedevo da piccola e quelle tratte dai grandi classici Disney. Che orgoglio vedere i miei figli apprezzare canzoni come i sogni son desideri, tutti quanti voglion fare jazz o l’uomo tigre, per non parlare di quelle sui robot! Insomma penso che con la musica i bimbi non si annoino mai.

Concludo affermando che la musica sia una grande risorsa e un collante che lega la famiglia in più momenti, quelli più preziosi, quelli da passare insieme. Attraverso la musica ci si conosce meglio. Considerato che ogni famiglia è diversa, penso che tutto sommato questi minuti di canzoni e di musica allietino parecchie situazioni, si percepisce in esse che il tempo passa con più serenità. Il mio consiglio è di ascoltare musica insieme. Seccede anche a voi? Che ne pensate?

Pubblicità

Chiara Elia

Nasco a Roma il 18 gennaio 1980. Ho due bambini piccoli, una femmina e un maschio. Sono laureata in Sociologia indirizzo di Comunicazione e Mass Media (tesi di laurea in Sociologia della Famiglia). Ho pubblicato tre libri di poesie, due di favole e un romanzo. Vivo a Barcellona dal 2013. Parlo italiano, inglese, spagnolo e catalano. Ho studiato danza flamenca per più di dieci anni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!